Favetta Purea di Fave

Favetta Purea di Fave

La Favetta Ligure

Indice:

La favetta è un antico piatto ligure che sopravvive in rare trattorie di montagna, ma che possiamo facilmente preparare a casa al termine della stagione della raccolta della fave, dopo averle fatte essiccare e tritate finemente. La farina di fave, difficile da trovare al di fuori della nostra splendida regione, la si può preparare in casa polverizzando le fave secche con il mortaio o con un mixer oppure va ricercata nei negozi di granaglie o di alimenti naturali.

Recuperiamo gli ingredienti principali

Procuratevi della farina di fave, possibilmente a km0, come sopra descritto.

favetta ligure ricetta farina di fave

Del buon OLIO EVO che potrete trovare anche presso:

Crostini di pane, cipolla, un ciuffetto di prezzemolo, acciughe sotto sale.

Infine noci e pinoli, sale e pepe.

Gli Ingredienti

Quantitativo per 4 persone di Favetta Ligure

  • 300 gr. di Farina di Fave o fave secche decorticate
  • 8 Crostini di pane
  • 2 cucchiai di Olio EVO
  • 1 Cipolla
  • 1 ciuffo di Prezzemolo
  • 4 Acciughe sotto sale
  • 2 cucchiai tra Noci e  Pinoli sgusciati
  • Sale e pepe q.b.

favetta ligure con noci e pinoli ricetta Biotigullio5terre

Preparazione e Cottura

Mettete le fave secche decorticate nel mortaio e pestatele con pazienza, fino a ridurle in briciole, oppure sminuzzatele con un buon frullatore. Coprite a filo le fave con acqua tiepida e portate ad ebollizione, abbassate il fuoco e lasciate cuocere per circa 15 minuti. In alternativa mettete in un paiolo o in una pentola 1/2 litro di acqua e giunta ad ebollizione versate a pioggia la farina di fave, mescolando di continuo come per fare una polenta e lasciate cuocere sul fuoco per circa un’ora. Lasciate raffreddare.

Nel frattempo sbucciate e tritate finemente la cipolla e poi fatela insaporire in un tegame in olio caldo. Aggiungete la favetta (purea di fave) appena tolta dal paiolo, salate, pepate a piacimento. Aggiungete il prezzemolo e fate cuocere per circa 5 minuti.

Intanto sciacquate le acciughe per privarle del sale, eliminate la lisca, lavatele nuovamente ed asciugatele con carta assorbente.

Spalmate il composto di fave sui crostini di pane, ponete sopra l’acciuga e sistemate nei piatti decorando con noci e pinoli tritati a piacere.

La Favetta si gusta sia calda, sia fredda. Si consiglia di accompagnarla con un buon vino bianco dei Colli Di Luni Vermentino.

Condividi:

Barbara Bernucci

Si occupa della gestione dei contenuti del sito web BioTigullio5Terre.it e dei nostri canali Social Media in particolare di Facebook. Mamma, impiegata, amante della natura e degli animali, delle iniziative sociali e delle arti marziali.

Barbara Bernucci has 11 posts and counting. See all posts by Barbara Bernucci