Sugeli Liguri con cavolfiore ricetta genovese

Sugeli con Cavolfiore ricetta ligure

Gnocchetti Liguri di acqua e farina con cavolfiore

Indice:

La storia degli Gnocchetti liguri detti anche ‘sugeli’ risale a molti anni addietro. Nell’entroterra tra Imperia e Albenga, esiste una cucina tipica, molto povera, nata dalle esigenze dei pastori che abitavano il territorio. Chiamata comunemente “cucina bianca”, le ricette sono caratterizzate da cibi di colore chiaro, prevalentemente bianco. Questa tradizione culinaria, conosce alcune delle paste fresche più note nel catalogo delle ricette nazionali Ricette facilissime da preparare e assai gustose. Tra queste appunto, troviamo i nostri Sugeli.

I Sugeli Liguri

I Sugeli, come tutti gli gnocchi liguri, altrimenti chiamati Trofie nell’entroterra genovese (da non confondere con le Trofiette di Recco) erano anticamente preparati esclusivamente con sola farina bianca e acqua. Per aumentarne il quantitativo e soddisfare le tante bocche in famiglia, veniva spesso mischiata anche con farina di castagne, che all’epoca era considerata una delle farine più povere, dopo ancora di quella di grano. Oggi invece accade il contrario: la castagna, diventata un frutto “impegnativo” da raccogliere, pelare, essiccare e trasformare in farina, raggiunge le tavole e accompagna i piatti di rinomati ristoranti genovesi ed italiani.

Leggi tutto

Condividi:

Tagliatelle al Cavolo Lavagnino ricetta genovese

Tagliatelle Cavolo Lavagnino con Pancetta

Tagliatelle al Cavolo Lavagnino con pancetta

Indice:

Il Cavolo Lavagnino è un ortaggio tipico della Riviera Ligure di Levante. La Regione Liguria lo ha individuato ed inserito tra i 300 prodotti agroalimentari tradizionali, un elenco di prodotti tipici, i cui metodi di lavorazione, conservazione e stagionatura sono praticati in un certo territorio in maniera omogenea e secondo regole tradizionali e protratte nel tempo, per un periodo comunque non inferiore a 25 anni. Il Cavolo Lavagnino è anche entrato a far parte del progettoAntichi Ortaggi del Tigullio” ed è molto richiesto dalle piazze extra locali.

Il Cavolo Lavagnino

Il cavolo o broccolo lavagnino è un ortaggio molto tenero. Si differenzia dagli altri della sua specie per la forma, detta “a cappuccio”. In particolare, la sua testa è composta da foglie corte, strette e molto arricciate, quasi fossero accartocciate. Le foglie hanno un colore verde chiaro, mentre alcune foglioline all’interno del cappuccio si presentano con un caratteristico color viola. La maturazione del cavolo lavagnino può essere precoce o leggermente tardiva dando la possibilità di essere lavorato e gustato per quasi metà dell’anno

Leggi tutto

Condividi:

Trofie di Farina di Castagne

trofie farina castagne ricetta cucina ligure

Trofie di farina di castagne

Indice:

Sapevate che la zona natale delle trofie classiche come per le trofie di farina di castagne, è quella che va da Camogli a Bogliasco, e più precisamente quella di Recco? Ebbene si, andando a spulciare sul vecchio ricettario della nonna, scopro l’origine di questa pasta tanto amata da noi liguri ma non solo. Le trofie sono gnocchetti di farina, mista a poca acqua, attorcigliati a mano ed assottigliati alle estremità, avvolgendo il tocchetto d’impasto tra le dita, così da ottenere un piccolo, piacevolissimo tortiglione, appuntito ai due estremi.

La farina di castagne

La farina di castagne, detta anche farina dolce, è il prodotto dell’essiccazione e della successiva macinatura delle castagne. Si presenta con un colore nocciola per la presenza della pellicina, altrimenti colore paglierino, e con sapore dolce. Si produce principalmente nelle zone di montagna dai 450 m ai 900 m s.l.m., dove cresce la pianta del castagno domestico e dove, nel tempo, si sono stabilite le strutture abilitate alla sua produzione.

Leggi tutto

Condividi:

Torta di Funghi Porcini Antica Ricetta Ligure

torta di funghi porcini ricetta

Torta di Funghi Porcini

Indice:

Alcuni ricettari suggeriscono di utilizzare funghi di bosco misti, ma ideali sono i funghi porcini o gli ovoli. Anche la preparazione di questa antica ricetta varia da zona a zona. Cercando sul web abbiamo trovato diverse lavorazioni ma questa che vi raccontiamo è quella che la mia nonna preparava con tanto amore e attenzione, per portare in tavola una delizia tanto attesa da noi nipoti. Oggi vediamo come preparare la torta di funghi porcini, gustosissima e semplice da preparare.

Descrizione del fungo porcino

Il Fungo Porcino si trova soprattutto nei boschi di querce e di castagno della pianura, e nelle faggete e abetaie di alta montagna. Si tratta di funghi simbionti, gregari, che possono svilupparsi in gruppi di molti esemplari. Di solito nascono tra maggio e giugno, e diventano visibili nel bosco già ad agosto (se la stagione prevede le giuste piogge), anche se è tra settembre e ottobre che la loro presenza è all’apice.

Leggi tutto

Condividi:

Crema di Funghi Porcini

Crema di Funghi Porcini

Indice:

Porcino è il nome comune di alcune specie di funghi del genere Boletus. Spesso attribuito, anche come denominazione merceologica, a quattro specie di boleti (la sezione Edules del genere Boletus) facenti capo al Boletus Edulis e aventi caratteristiche morfologiche e organolettiche vagamente simili. Qualche micologo è arrivato a farne dodici specie diverse, discriminando a seconda degli ambienti di nascita, gli alberi simbionti, i caratteri microscopici e macroscopici (forma, colorazione e proporzioni del corpo fruttifero). Oggi vediamo come preparare la crema di funghi porcini, tanto gustosa quanto semplice da preparare.

Descrizione del fungo porcino

Il Fungo Porcino si trova soprattutto nei boschi di querce e di castagno della pianura, e nelle faggete e abetaie di alta montagna. Si tratta di funghi simbionti, gregari, che possono svilupparsi in gruppi di molti esemplari. Di solito nascono tra maggio e giugno, e diventano visibili nel bosco già ad agosto (se la stagione prevede le giuste piogge), anche se è tra settembre e ottobre che la loro presenza è all’apice.

Leggi tutto

Condividi:

Favetta Purea di Fave

favetta zuppa farina di fave ricetta biotigullio5terre

La Favetta Ligure

Indice:

La favetta è un antico piatto ligure che sopravvive in rare trattorie di montagna, ma che possiamo facilmente preparare a casa al termine della stagione della raccolta della fave, dopo averle fatte essiccare e tritate finemente. La farina di fave, difficile da trovare al di fuori della nostra splendida regione, la si può preparare in casa polverizzando le fave secche con il mortaio o con un mixer oppure va ricercata nei negozi di granaglie o di alimenti naturali.

Recuperiamo gli ingredienti principali

Procuratevi della farina di fave, possibilmente a km0, come sopra descritto.

favetta ligure ricetta farina di fave Leggi tutto

Condividi:

La Pianta di Borragine

pianta di borragine

La Pianta di Borragine

Indice:

La pianta di Borragine è dotata di numerose proprietà. Aumenta la quantità di latte nelle puerpere, abbassa la pressione sanguigna, stimola le ghiandole surrenali, purifica il sangue, disintossica il fegato ed ha una funzione antidepressiva. Le sue molteplici proprietà la rendono preziosa anche in campo cosmetico e medicinale.

In medicina popolare si facevano infusi di fiori e foglie di borragine per combattere la tosse, le infiammazioni bronchiali e anche come diuretico. Molto importante contro l’invecchiamento delle pelle, la disidratazione, il cedimento dei tessuti e le unghie fragili è l’uso dell’olio di borragine che si ricava dalla prima spremitura a freddo del seme.

La zona di produzione

La pianta nasce spontanea ed in maniera perenna nell’intera regione Liguria, dalla pianura sino a 1000 m di altezza. Leggi tutto

Condividi:

Castagnaccio Ligure

il castagnaccio ligure ricetta biotigullio5terre

Il Castagnaccio Ligure

Indice:

Il Castagnaccio Ligure è un dolce antichissimo, che si cucina anche in diverse regioni, soprattutto in Toscana ed Emilia Romagna. Si cucinava un tempo in campagna sulle piastre bollenti o sulle stufe. In Liguria era considerato il dolce dei bambini, che per di più lo portavano a scuola avvolto nella carta per gustarlo durante la ricreazione. Tuttavia anche oggi può essere considerato un tipico dolce da merenda. Esiste una versione più semplice che prevede di mescolare i semi di finocchio con la farina di castagne e di irrorare la superficie prima della cottura solo con olio, senza pinoli e senza uvetta.

Recuperiamo gli ingredienti principali

Procuratevi della farina di castagne, possibilmente a km0, che potrete facilmente reperire anche presso i nostri amici:

farina di castagne biotigullio5terre Leggi tutto

Condividi: